19 marzo 2021

Imbiancare casa fai da te con il rullo

Chi desidera tinteggiare da solo le pareti di casa dovrebbe mettere in pratica alcuni accorgimenti per non sporcare troppo e per ottimizzare il lavoro ottenendo un risultato quasi da imbianchino provetto.

Per prima cosa si deve avere a portata di mano l'attrezzatura adeguata, ad esempio un rullo salva goccia, e si sceglie la vernice più adatta agli ambienti da pitturare.

La primavera è la stagione ideale per imbiancare casa perché le ore di luce sono molte e non fa troppo caldo, come durante l'estate, perciò preparatevi per tempo a rinfrescare le stanze con una passata di pittura.


Imbiancare casa fai da te con il rullo


Come imbiancare casa da soli

Per imbiancare casa da soli si dovrebbe scegliere una giornata di sole così da tenere aperte le finestre per far asciugare in fretta la pittura.

I lavori fai da te devono essere fatti con criterio perciò si inizia togliendo dalla stanza che si vuole tinteggiare tutto ciò che è possibile spostare: quadri, soprammobili, mobili piccoli, sedie e le tende dalla finestra, approfittando così per lavarle.

La stagione primavera invoglia a pulire in profondità la casa dopo i tristi e grigi mesi invernali.

Attrezzatura da usare:
  • abbigliamento pratico
  • nastro adesivo di carta
  • carta vetrata per levigare le pareti
  • stucco per riparare buchi e crepe
  • spatola per stendere lo stucco
  • telo per coprire mobili
  • pennello per gli angoli, rullo o pennello grande

Per imbiancare è bene vestirsi con abiti comodi e rovinati, così non importa se si sporcano di pittura. Si possono usare anche i guanti usa e getta e un cappellino per essere più protetti dagli schizzi che inevitabilmente si fanno.

Dopo aver tolto gli oggetti piccoli dalla stanza si può stendere sul pavimento un telo in nylon e coprire i mobili, per evitare che si sporchino. A questo scopo si possono utilizzare anche vecchie lenzuola.

Un'altra accortezza è quella di coprire le prese di corrente col nastro di carta in modo da non sporcarle.

Prima di iniziare a imbiancare è bene verificare che le pareti non abbiano crepe o bolle, segno di un ristagno di umidità, nel caso si procede a spianarle con la carta vetrata. I buchi e le crepe si possono chiudere con lo stucco che va poi livellato bene con la spatola.



Prima di procedere con la tinteggiatura si leggono le indicazioni riportate sul barattolo di pittura per capire quanto vada diluita e quante mani è bene dare.

Negli ultimi anni sono in vendita pitture già pronte all'uso, più pratiche e semplici da usare. In questo modo non si rischia di avere zone tinteggiate con un colore più diluito e altre con una tinta più spessa. Col bianco questo si nota meno ma con la vernice colorata è molto evidente.

In ogni caso si deve girare bene la pittura prima dell'utilizzo per renderla omogenea.

Molte persone travasano la vernice in vaschette perché così è più semplice immergere il rullo ma per sporcare meno contenitori si può semplicemente mettere una retina sul barattolo per far sgocciolare l'eccesso di pittura.

Pennello o rullo e quale scegliere

Gli imbianchini professionisti amano dipingere col classico pennello perché si sta più vicini alla parete e al soffitto e si crea uno strato più uniforme di pittura.

Chi imbianca casa in modalità fai da te, in genere, predilige usare il rullo che rende la tinteggiatura più veloce, soprattutto se si dipinge una parete già pitturata e non una che ha solo l'intonaco e necessita di diversi mani.

In vendita esistono tanti tipi di rullo e i migliori sono quelli con la pelliccia più spessa, sempre meglio spendere più soldi ma avere attrezzi che si possono usare per tanti anni.

Molto pratico è il rullo che all'interno ha il serbatoio per la pittura che evita di gocciolare in terra. In genere è corredato da un set di rulli più piccoli per pitturare anche gli angoli e le zone attorno alle finestre.



Alla fine tutti gli attrezzi si lavano con acqua e si fanno asciugare prima di riporli.

Come imbiancare per avere un risultato perfetto

La tinteggiatura delle pareti deve iniziare dall'angolo della stanza più lontano dalla finestra e si può procedere pitturando una parete alla volta. Si fa scorrere il rullo su e giù con diverse passate, partendo sempre dall'alto. In questo modo si tolgono eventuali gocce.

Per ultimo si dipinge il soffitto salendo sulla scala per essere più vicini e avere maggiore forza nel far scorrere il rullo. Molti usano un bastone telescopico ma dipende da quanto si è alti. Le persone di bassa statura non riescono a esercitare la giusta pressione sul rullo da terra.

Uno degli inconvenienti del rullo o del pennello grande è quello che non arriva negli angoli e si devono usare i pennelli più piccoli, sporcando così altri attrezzi.



Quanto costa tinteggiare casa

Un imbianchino professionista per una stanza di dimensioni medie, ovvero di quattro metri per ogni parete, chiede in genere intorno ai 250 €.

Il risparmio nell'imbiancare da soli casa è parecchio perché si pagano solo la pittura e gli altri attrezzi necessari, che però si possono impiegare altre volte.

La stessa stanza di 60 mq, compreso il soffitto, richiede circa 6 litri di pittura che ha prezzi variabili. Per il bagno e la cucina è consigliabile una pittura antimuffa visto che sono gli ambienti della casa più soggetti all'umidità.

Rispetto a quelle di tanti anni fa ora le vernici sono più ecologiche e hanno poco odore, perciò imbiancando la mattina già la sera si può tranquillamente soggiornare nella stanza.


Nessun commento:

Posta un commento

Prima di commentare ti invito a leggere la Privacy Policy del blog per l'accettazione.