20 marzo 2020

Il passato è una terra straniera

Ho letto diversi romanzi di Gianrico Carofiglio e proprio Il passato è una terra straniera è quello che me lo ha fatto conoscere e apprezzare.

Il titolo richiama a una citazione di un autore inglese che il protagonista legge in un libro che parla di giovinezza, iniziazioni, vergogna e amore, pensando che raccontasse la sua vita.

Il passato è una terra straniera


Recensione: Il passato è una terra straniera


Il passato è una terra straniera è ambientato a Bari e racconta di Giorgio, un giovane ormai prossimo alla laurea, che si sente annoiato e cerca nuovi stimoli nell'amicizia con Francesco ed entrando nel mondo dei giochi d’azzardo.

Il ragazzo smette di studiare, lascia la fidanzata della Bari bene, ed entra in un vortice fatto di bische clandestine, sesso con donne annoiate e un legame particolare con l'amico. Giorgio non frequenta più gli amici di un tempo, inizia ad avere problemi in famiglia e si ritrova solo perché Francesco lo cerca solo quando ha bisogno di un partner per il poker.

Francesco è un bel ragazzo che sembra conoscere tutti, le donne lo trovano attraente ma non rivela molto della sua vita privata visto che è abituato a usare gli altri per trarre vantaggi personali.
Nel frattempo in città il tenente Chiti deve seguire le indagini difficili su uno stupratore che agisce nel buio della notte.

Il romanzo, vincitore del premio Bancarella nel 2005, mostra il giovane Giorgio nel momento in cui viene tentato dai guadagni facili che lo portano ad avere un auto, vestiti e divertimenti. Le remore morali, che all'inizio si fanno sentire, vengono messe a tacere perché si convince, succube del suo nuovo amico, che sta truffando solo i ricchi e chi se lo merita.
Giorgio si fa troppo condizionare, non riesce più a pensare autonomamente e accetta ogni cosa che  propone l'amico.
Francesco,al contrario, sa bene cosa sta facendo e usa il suo fascino per ottenere ciò che vuole, ma chissà come farà a conoscere persone in ogni ambiente?

Il romanzo è scritto in un stile asciutto e risulta molto avvincente, anche se a metà avevo già intuito chi potesse nascondersi dietro il volto dello stupratore.

Il passato è una terra straniera è, secondo me, un bel libro che fa vedere come possa non essere così nitido il confine tra bene e male, tra ciò che è giusto e ciò che è sbagliato, e come un giovane possa venire coinvolto in cose più grandi di lui che lo porteranno a crescere e diventare adulto.

Sicuramente lo consiglio anche se è diverso da altri polizieschi.

Titolo: Il passato è una terra straniera
Autore: Gianrico Carofiglio
Anno: 2004
Editore: Rizzoli
Pagine: 297

Nessun commento:

Posta un commento

Prima di commentare ti invito a leggere la Privacy Policy del blog per l'accettazione.