20 maggio 2020

Come pulire lo smartphone senza danneggiarlo

Tutti abbiamo in casa molti dispositivi tecnologici e bisogna mettere in conto di doverli pulire periodicamente, soprattutto lo smartphone che utilizziamo molto spesso.

Sapete quanti germi si possono annidare tra le fessure di un telefono?
Il cellulare dovrebbe essere pulito molto spesso perché lo portiamo vicino alla bocca e, se prima abbiamo toccato superfici non proprio pulite, non è il massimo dell'igiene.
Non serve neppure indossare guanti perché se con quelli tocchiamo superfici infetti e poi il telefono è come non averli!

Come pulire lo smartphone senza danneggiarlo


Come pulire lo smartphone senza rovinarlo


Lo smartphone si può pulire molto facilmente utilizzando panni e detergenti che abbiamo già in casa, più sono delicati e naturali meglio sarà per non rischiare di danneggiarlo.

Per prima cosa ribadisco quanto sia importante pulire il cellulare che usiamo tanto spesso perché può essere ricettacolo non solo di polvere e sporco normale ma anche di batteri e di virus, se con le mani abbiamo toccato superfici contaminate e poi il telefono.

Ovviamente una buona routine d'igiene sarebbe quella di lavarsi le mani col sapone ogni volta che si tocca qualcosa tastato da altri, o quando si va in bagno, no? Mi hanno sorridere i cartelli visti nelle toilette dei locali in America dove s'invitavano i dipendenti a lavarsi le mani dopo essere stati in bagno!

Lo smartphone non va pulito con sostanze che possono danneggiare lo schermo, come i normali detergenti per i vetri, che con l'andare del tempo possono rendere la superficie vulnerabile ai graffi.
Infatti il touchscreen ha un rivestimento oleofobico e idrofobico che non bisogna assolutamente rovinare.
Per lo stesso motivo non vanno utilizzati prodotti aggressivi, compreso l'alcool o l'ammoniaca.
La pulitura non va fatta neppure con i normali tovaglioli o panni da cucina perché si possono sgretolare ed entrare nelle fessure.

Tolti anche i normali detergenti per i piatti o l'aceto cosa rimane per pulire lo smartphone?
Il telefono, una volta spento, si può detergere con un panno in microfibra, tipo quello che si usa per gli occhiali, perché morbido e delicato sulle superfici.
Si può passare inumidendolo solo con acqua, preferibilmente quella distillata, e sapone neutro.



In alternativa si possono usare salviette specifiche per i display elettronici.

Bisogna fare molta attenzione che nelle fessure del microfono e degli altoparlanti, o nelle porte per i cavi, non entri acqua per non danneggiare i sensori.
Per pulire queste fessure si può usare un pennellino morbido oppure un panno cattura polvere.

Oltre al telefono va pulita anche la sua custodia e, in questo caso, si può fare ricorso anche a detergenti un po' più aggressivi.
Bisognerebbe avere l'accortezza di fare questa pulizia profonda dello smartphone almeno una volta la settimane e comunque fare sempre attenzione a toccare lo smartphone solo con le mani pulite, cosa difficile quando siamo fuori casa.


Nessun commento:

Posta un commento

Prima di commentare ti invito a leggere la Privacy Policy del blog per l'accettazione.