29 dicembre 2018

Padova dell'800: La giostra dei fiori spezzati

Per interrompere la lettura dei tanti romanzi che ho già sul Kindle, ma non proprio recentissimi, ho scelto La giostra dei fiori spezzati, un libro ambientato nella Padova di fine Ottocento.

Sono stata invogliata a leggerlo da una bella recensione letta su Datemiunamun blog che parla di libri in maniera coinvolgente.
Così ho approfittato di un buono sconto per acquistarlo, ma ho commesso l'errore di non considerare che le copie per il Kobo hanno una codifica e perciò non l'ho potuto convertire nel formato del mio ereader.
Quindi ho scaricato l'app e l'ho letto sullo smartphone, cosa un po' scomoda ma col vantaggio di averlo sempre con me e di poterne leggere alcune pagine ovunque mi trovassi.

Padova dell'800: La giostra dei fiori spezzati


La giostra dei fiori spezzati: thriller ambientato nell'Ottocento



Matteo Strukul è riuscito ha raccontare Padova in maniera sublime, dalle sue parole sembra di trovarsi lì: nelle sue piazze, nei suoi quartieri, tra la gente del popolo o tra quella altolocata.

La giostra dei fiori spezzati è un poliziesco molto ben fatto che mescola le indagini per omicidi efferati al racconto della vita quotidiana e di ciò accadeva all'epoca, siamo a fine '800, nelle case di piacere.

Un uomo sta uccidendo prostitute che hanno un nome di fiore, le sventra e le lascia in mostra.

A indagare sui delitti sono tre personaggi molto diversi tra loro. L'ispettore di polizia Roberto Pastrello, che frequenta anche lui le case di piacere ed è innamorato della zingara Erendira, è deciso a trovare quello che viene definito l'Angelo sterminatore.
Il giornalista Giorgio Fanton conosce bene la realtà del Portello e perciò decide di non parlare degli omicidi finché il colpevole non sarà smascherato.
Il criminologo Alexander Weisz è un tipo un po' strano, traumatizzato in giovane età, dipendente dal laudano, ma molto abile nel comprendere le persone e nello scovare indizi. A ragione è stato paragonato al celebre Sherlock Holmes, un personaggio molto particolare.

La risoluzione del caso non è semplice e il popolo che vive nel quartiere Portello sembra volere giustizia subito, anche fomentato da chi desidera solo mettersi in luce per un vantaggio personale.
Tra attentati, sparatorie, rapimenti, risse, cose che sembrano all'ordine del giorno, si arriverà alla verità.

Ho apprezzato molto la ricostruzione storica e, anche se non conosco Padova, mi è sembrato di camminare nelle sue vie e di respirare l'atmosfera di un'epoca lontana nella quale la vita non era facile per chi era povero. Ieri come oggi molte persone sono disposte a tutto per poter sopravvivere alla miseria.

Mi sono piaciuti molto i diversi personaggi con le loro pecularietà compresa la bella Erendira, affascinante cartomante, misteriosa, un po' lunatica e prostituta, ma per scelta.


Titolo: La giostra dei fiori spezzati
Autore: Mattero Strukul
Anno: 2014
Editore: Mondadori
Pagine: 284

Nessun commento:

Posta un commento

Prima di commentare ti invito a leggere la Privacy Policy del blog per l'accettazione.