21 dicembre 2018

Le quattro casalinghe di Tokyo: un thriller originale

Dopo aver letto un romanzo della Yoshimoto, che mi aveva deluso, non sapevo cosa aspettarmi da Le quattro casalinghe di Tokyo di Natsuo Kirino, un'autrice che non avevo mai sentito nominare.

Io amo i thriller e questo è stato uno sprone a iniziare la lettura del romanzo che ha per protagoniste, come dice il titolo, quattro donne che oltre a occuparsi della propria casa lavorano di notte in uno stabilimento che confeziona cibi pronti.
Il thriller è originale e cruento, adatto a chi ama le storie intricate e ricche di colpi di scena.

Le quattro casalinghe di Tokyo: un thriller originale



Un thriller originale: Le quattro casalinghe di Tokyo


Le donne protagoniste di Le quattro casalinghe di Tokyo spesso lavorano nella stessa catena di confezionamento e diventano amiche, anche se fuori dal lavoro non si frequentano.
Una sera la bella Yayoi confessa a Masako di aver ucciso il marito Kenji, un uomo che la picchiava e che aveva dilapidato al gioco tutti i loro risparmi. Le due pensano a come sbarazzarsi del corpo e decidono per una soluzione abominevole, ovvero farlo a pezzi e buttarlo nei bidoni dell’immondizia. Masako chiede aiuto all'anziana ed esperta Yoshie per fare questo lavoro ma, quando arriva l'intrigante Kuniko, sono costrette a coinvolgerla.
Proprio quest'ultima sarà la causa di una catena di eventi che porterà al ritrovamento di alcuni sacchi e all'identificazione del cadavere. La polizia sospetterà che a uccidere l'uomo sia stato l'ambiguo proprietario di una sala da gioco, Satake, che verrà arrestato ma scarcerato per mancanza di prove.

La storia continua tra ricatti, colpi di scena e vendette in un crescendo di tensione e con un finale che conclude degnamente questa bizzarra vicenda.

Nonostante il libro superi le 600 pagine, l'ho letto in una settimana perché risulta molto avvincente e insolito, anche se confesso durante la notte di avere avuto degli incubi sognando dei cadaveri fatti a pezzi.
Questo libro fa conoscere un Giappone diverso da come lo immaginiamo perché anche lì ci sono problemi legati alla perdita di lavoro, al costo della vita, ai prestiti a usura oltre che alla mancanza di dialogo in famiglia, al vizio del gioco, alla prostituzione. Tutti questi argomenti sono parte integrante della storia e permettono di capire il comportamento dei vari personaggi, molto diversi tra loro.

Le quattro donne scelgono di lavorare nel turno di notte perché viene pagato molto di più e fanno meno ore, ma questo forse è la causa dei loro problemi familiari perché diventa difficile ritrovarsi assieme e condividere la quotidianità.
Yoyoi rappresenta la moglie tradita che deve crescere due figli piccoli senza l'aiuto del marito che preferisce le sale da gioco e altre donne. Si può capire che non voglia più vivere con lui ma arrivare a ucciderlo è eccessivo! Lei è molto bella e per questo invidiata e vista in malo modo dai vicini di casa.

Masako è una quarantenne che veste sciattamente ma che è considerata intelligente da tutti e per questo è la prima persona con cui si confida Yayoi. Masako in passato era stata una donna in carriera vittima del mobbing e ora vive col marito, ma dormono in camere separate, e colfiglio che da un anno non le parla. Lei è il personaggio che più mi è piaciuto perché rappresenta una donna forte e decisa che davanti a un problema opta per la soluzione più giusta.

Yoshie, chiamata la Maestra per la sua esperienza, è vedova e vive con la suocera invalida a cui deve fare da badante e una figlia adolescente che le mente e le ruba i soldi.

Kuniko è una donna che guarda solo alle apparenze e che spende molto più soldi di quelli che può permettersi entrando nel giro degli usurai. Lei nasconde la sua vera età dietro un trucco pesante, anche se non può celare la sua obesità. Kuniko è intrigante, stupida e avida e questo le porterà molti guai causandoli anche alle amiche.

Fin dall'inizio si capisce come le quattro donne siano infelici, seppure per motivi differenti, e vogliano cambiare la loro vita. Il fare a pezzi il marito di una di loro diventa un modo per cambiare la routine quotidiana ma anche per fare soldi, infatti saranno pagate dalla vedova. Proprio i soldi, alla fine, sono quelli che spingono a compiere azioni che razionalmente forse non si farebbero. La cosa più abominevole è che, per le donne, fare a pezzi una persona sia una cosa normale da fare con metodo.
 Masako è la più dura e determinata ma si rivelerà anche fragile nei sentimenti.

Titolo: Le quattro casalinghe di Tokyo (Out)
Autore: Natsuo Kirino
Anno: 1997
Editore: BEAT
Pagine: 652

Nessun commento:

Posta un commento

Prima di commentare ti invito a leggere la Privacy Policy del blog per l'accettazione.