21 settembre 2018

La serie di Malvaldi ambientata al BarLume

Mi piace leggere libri gialli e polizieschi e perciò leggendo positive recensioni ho letto alcuni libri della serie di Malvaldi ambientata al BarLume.

L'autore pisano Marco Malvaldi ha ambientato i polizieschi nel bar di Massimo dove spesso si ritrovano a giocare a carte diversi anziani del paese: Ampelio, Aldo, il Del Tacca e il Rimediotti.

Questi noir ambientati in provincia sono discreti ma non entusiasmanti come le recensioni facevano credere, sono però consapevole che ognuno di noi ha gusti e aspettative differenti e perciò consiglio la lettura.

La serie di Malvaldi ambientata al BarLume


La briscola in cinque di Malvaldi


Il primo breve libro della serie ambientata al BarLume è La briscola in cinque che è stato scritto nel 2007 da Marco Malvaldi.
Nell'immaginaria località balneare pisana di Pineta Massimo Viviani gestisce il BarLume e praticamente passa lì le sue giornate. Nel bar si ritrova anche un gruppo di pensionati settantenni tra i quali c'è suo nonno Ampelio.
In paese è praticamente impossibile tenere segreti e tutti si fanno gli affari degli altri, questo aiuta a risolvere un caso di omicidio.
Una ragazzina, Alina Costa, viene ritrovata morta in un cassonetto e così il commissario Fusco inizia le indagini sentendo anche Massimo che è stato uno dei primi a vedere il cadavere.
I sospetti s'indirizzano verso un ragazzo che Alina frequentava di nascosto ma si scopre che la giovane vedeva altre persone e il caso non si presenta facile.

Il romanzo si può anche definire un giallo perché si parla delle indagini che portano alla scoperta del colpevole viste con gli occhi di un barista abituato a ragionare molto e a cercare la soluzione a problemi complessi.
Tutta la storia è praticamente ambientata nel bar e molte pagine sono dedicate ai vecchietti che lì passano il tempo giocando a carte.

Dopo averlo terminato se si torna indietro si scopre che tutti gli indizi per capire il colpevole erano stati indicati e perciò anche il lettore può arrivare alla conclusione intuita giustamente da Massimo.

Non è certo come i thriller che sono abituata a leggere che sono impossibili da decifrare in toto.
Il romanzo si legge in fretta vista anche la sua brevità e presenta alcune parti scritte in dialetto toscano ma perfettamente comprensibili. Alcune parole sono scritte in maniera strana italianizzando l'inglese e credo sia per far capire che i pensionati del BarLume preferiscono parlare la loro lingua.

Il gioco delle tre carte di Malvaldi


Il gioco delle tre carte è il secondo romanzo di Malvaldi della serie ambientata nel BarLume che attualmente consta di otto romanzi.

Nella prima parte vengono presentati i diversi personaggi che si erano già conosciuti nel rpecente libro ovvero il protagonista Massimo, la barista Tiziana e i vecchietti che si radunano al bar per giocare a carte.
Questa volta Massimo assieme al ristoratore Aldo svolge il servizio di catering a un congresso di scienziati durante il quale muore un anziano professore giapponese.
Il commissario Fusco chiede a Massimo di fare da interprete durante gli interrogatori e sarà lui a scoprire il movente dell'omicidio.

Il breve romanzo scorre lento come nello stile di Malvaldi ed è piacevole da leggere ma ancora una volta secondo me non riesce ad appassionare. Certamente si è curiosi di scoprire chi sia l'assassino e si cercano indizi che possano portare alla soluzione che questa volta mi appare troppo complicata.
La vita di provincia della piccola località immaginaria di Pineta fa da sfondo al tutto e il colorito dialetto toscano ben s'inserisce nel testo che presenta molte parole inglese italianizzate.

Alcune frasi mi sono sembrate strane come parlare del per e del diviso ho cercato informazioni per vedere se fosse un modo di dire ma forse l'autore ha voluto creare un qualcosa di alternativo al parlare del più e del meno.

La briscola in cinque
Marco Malvaldi
Editore: Sellerio Editore Palermo
Anno:2007
Pagine: 163

Il gioco delle tre carte
Anno: 2008
Pagine: 208

2 commenti:

  1. Mi piace tantissimo la serie, purtroppo non ho letto i libri ma visto in tv la serie, devo rimediare!

    RispondiElimina
  2. Io lo adoro davvero, mi piace un sacco! Ho letto tutti i suoi romanzi

    RispondiElimina

Prima di commentare ti invito a leggere la Privacy Policy del blog per l'accettazione.